Castelnuovo Don Bosco (TO)

Erbe lungo il sentiero della Malvasia

Da Castelnuovo Don Bosco – Albugnano

 

Sentieri e strade di campagna fra boschi e vigneti di Malvasia ci porteranno a poggi panoramici, chiesette antiche ed una abbazia del 1000, vero gioiello medievale piemontese: l’Abbazia Santa Maria di Vezzolano. Lungo il cammino ci dedicheremo a riconoscere e raccontare l’impiego delle molte specie commestibili presenti nei diversi ambienti che attraverseremo.

RITROVO E PARTENZA IN AUTO: ore 8.45 Via S. Sebastiano Po (adiacente a Piazzale Marco Aurelio – corso Casale, Torino)

PARTENZA A PIEDI: ore 9.30 Chiesetta Sant’Eusebio (Via Chivasso – Castelnuovo Don Bosco)

DISLIVELLO: 400 m circa

DIFFICOLTÀ: E – facile.

TEMPO PREVISTO DI CAMMINO: 4 h circa

PRANZO: al sacco.

ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURA: abbigliamento comodo ed impermeabile, calzature adeguate, coltellino e borsa di tela.

ATTIVITÀ La proposta è volta a riavvicinarsi ad un sapere ancestrale: l’andar per erbe e si svolge lungo sentieri molto panoramici. L’antica prassi del raccogliere piante spontanee commestibili, oggi si sta ri – diffondendo sia quale buona prassi ecologica sia come ricerca di nuovi ma antichi sapori in cucina. Si tratta di: passeggiare lentamente in luoghi sufficientemente lontani dall’inquinamento provvisti di coltellino e cestino, osservare le erbacce e scoprirle commestibili, raccoglierle e rispolverare semplici ma prelibate ricette.

PROGRAMMA: Lasciate le auto nel piazzale di fronte alla Chiesetta di Sant’Eusebio (320 m, Castelnuovo Don bosco), ci si incammina lungo una strada bianca nella boscaglia fino a guadagnare il poggio di Cornareto fra i vigneti di Malvasia, si prosegue fino alla chiesetta Romanica di Santa Maria (328m) punto panoramico a 360 gradi sulle colline circostanti. Si continua fino alla frazione Pogliano, quindi nel bosco fino a Passo della Croce (458m). Infine si scende all’Abbazia di Vezzolano (415m), fondata, secondo la leggenda, dallo stesso Carlo Magno, citata con certezza in un documento nel 1095 e collocata in una valle verde di vigneti, dove il tempo pare essersi fermato, è simbolo dell’arte del Medioevo fra Romanico e Gotico.

La passeggiata etno–botanica si snoda lungo vigneti, boschi e coltivi abbandonati incontrando tante diverse nicchie ecologiche per specie vegetali differenti.

COSTI: 15 euro a partecipante. Per chi non fosse tesserato (2018/2019) è da prevedere anche il costo tessera di 10 euro ad adulto, 6 euro per i ragazzi. Con il tesseramento a tutti gli adulti verrà data copia del libro “andar per erbe”)

LA QUOTA INCLUDE: accompagnamento, assicurazione RC e infortuni, dispense di ricette fitoalimurgiche.

LA QUOTA ESCLUDE: spese di viaggio, pranzo e spese extra non sono incluse e sono da considerarsi a carico dei partecipanti.

N.B: La passeggiata è condotta dalla Guida escursionistica ambientale (Marta Ferrero marta.ferrero.forestale@gmail.com  tel. 333/7470181). L’organizzazione si riserva di modificare o sostituire l’itinerario in caso di meteo avverso, pericoli oggettivi, non raggiungimento del numero minimo di partecipanti.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + sei =