Wilderness trek nel Parco Nazionale Val Grande (VB)

 

WILDERNESS TREKKING IN VAL GRANDE

Verbania – (VB)

Quattro giorni di immersione totale nella più vasta area wilderness del nostro Paese: il Parco Nazionale della Val Grande. Qui i sentieri che si inoltrano in boschi rigogliosi ed impervi, dove a dominare è il silenzio. Uno di quei luoghi capaci di penetrare nel profondo dell’animo grazie alla natura incontaminata ed alla sensazione di ritorno al primordiale che rendono quest’area del Piemonte un luogo unico e magico

La Val Grande è l’area “wilderness” (di ritorno) più grande delle Alpi; è una zona ormai abbandonata dall’uomo e che per questo si presenta in tutta la sua bellezza quasi incontaminata, per l’armonia, gli equilibri naturali spesso fragili, ed i silenzi incontrastati accentuati dai suoni della natura. Percorrere i sentieri del Parco vuol dire affrontare tratti impervi, ma certamente suggestivi, dove non si possono fare che pochi passi in piano, regno di fitti boschi ed acque abbondanti che, tra le rocce, scavano gole e attraversamenti davvero imperdibili.

PROGRAMMA DI MASSIMA

RITROVO E PARTENZA IN AUTO: ore 8:30 ritrovo a Fondotoce (VB) tutti i dettagli saranno forniti ai partecipanti

ITINERARIO IN AUTO: Torino – Gravellona Toce – Cicogna

PRIMO GIORNO: Alpe Pogallo dal sentiero Sutermeister

INIZIO ESCURSIONE: Cicogna (VB)

DESCRIZIONE: In un paesaggio come questo, in grado di arrivare nel profondo delle nostre anime, partiremo dal piccolo abitato di Cicogna, percorreremo un magnifico sentiero di fondovalle, aggrappato alla roccia, da un lato, ed a picco sul Rio Pogallo dall’altro (vietato soffrire di vertigini…). Raggiunto il cuore della vecchia civiltà alpina, l’alpe Pogallo, ritorneremo sui nostri passi per rientrare a Cicogna salendo agli alpeggi del Caslù e del Braco.

DISLIVELLO: 650 m

DIFFICOLTA’: E – Medio impegno fisico

TEMPO DI CAMMINO PREVISTO: 5h circa pause escluse

SECONDO GIORNO: Alpe Pian di Boit

INIZIO ESCURSIONE: Cicogna

DESCRIZIONE: Uno tra i sentieri più suggestivi del Parco Val Grande, quello che da Cicogna “la capitale del Parco” conduce all’antico alpeggio del Pian di Boit posto in un anfiteatro maestoso. Un itinerario che “toglie il fiato”, per i suoi panorami sul rio Pogallino e sul Pianezzoli, ma anche per i continui tratti alternati di salita e discesa.

DISLIVELLO: 750m

DIFFICOLTA’: E – Medio impegno fisico

TEMPO DI CAMMINO PREVISTO: 6 ore circa

TERZO GIORNO: Anello delle tre Veline

INIZIO ESCURSIONE: Cicogna

DESCRIZIONE: partendo direttamente dall’ostello di Cicogna seguiremo il sentiero che seguendo, paziente come un filo inserito nella cruna del suo ago, le rughe della montagna attraversa immensi castagneti da frutto e vestigia di antichi insediamenti agricoli. Il punto d’arrivo sarà rappresentato dai tre nuclei abbandonati distribuiti a scala sul costolone montuoso che scende a sud dalla cima Tuss.

DISLIVELLO: 850m

DIFFICOLTA’: E – Medio impegno fisico

TEMPO DI CAMMINO PREVISTO: 6 ore circa

QUARTO GIORNO: Cima Sasso

INIZIO ESCURSIONE: Cicogna

DESCRIZIONE: dall’ostello di Cicogna seguiremo il sentiero che, prendendo progressivamente quota coi tornanti che cercheranno, senza riuscirci, di regalarci sollievo tagliando il pendio della montagna, ci consentirà di raggiungere un alpeggio panoramico, l’Alpe Prà col suo carico di storia che risale al neolitico. Proseguendo il nostro cammino sulla cresta che divide la valle Pogallo dalla Val Grande, giungeremo alla Cima Sasso. Tutt’intorno il panorama spazierà dalla Cima della Laurasca alla Zeda, dalla Marona alla al Pizzo Pernice per poi spostarsi oltre fino alle vette del Monte Rosa.

DISLIVELLO: 800m

DIFFICOLTA’: E – Medio impegno fisico

TEMPO DI CAMMINO PREVISTO: 7 ore circa

CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Il trekking è adatto a camminatori con un buon grado di abitudine al cammino lungo i sentieri di montagna e, data la sistemazione non esattamente 4 stelle, a coloro che abbiano spiccato spirito di adattamento e comunità.

PASTI: tutti i pasti saranno effettuati in autonomia dai partecipanti utilizzando la cucina attrezzata dell’ostello (dotata di piano ad induzione, frigorifero, griglia), i pranzi saranno al sacco, con possibilità di effettuare acquisti in loco. Per le cene ci sarà la possibilità di approfittare di un agriturismo con ottimo rapporto qualità/prezzo e quantità.

LA QUOTA ESCLUDE: spese di viaggio, pasti e spese extra non sono incluse e che sono da considerarsi a carico dei partecipanti.

NOTE: i costi e il luogo di pernottamento potrebbero subire variazioni in funzione dei posti disponibili nelle strutture del luogo.

L’escursione è condotta dalla nostra Guida Naturalistica ed Ambientale “local” Rancilio Fabrizio fabrizio@escuriosandotrekking.it phone 3288007569

 L’organizzazione si riserva di modificare o sostituire l’itinerario in caso di meteo avverso, pericoli oggettivi, mutate condizioni ambientali

Se non si riceve conferma di ricezione della prenotazione a breve ti preghiamo di contattare telefonicamente la guida.



    GIA' SOCIO ESCURIOSANDO TREKKING 2021/2022


    Accetto il trattamento dei dati come da Privacy Policy



    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *